10000 armi nucleari per terraformare Marte

Musk avrà bisogno di 10.000 armi nucleari per terraformare Marte

Musk avrà bisogno di 10.000 armi nucleari per terraformare Marte

Il CEO di SpaceX ha risposto all’affermazione secondo cui i suoi piani per terraformare il Marte sono in gran parte poco pratici.

Mentre l’idea di trasformare l’atmosfera ostile di Marte in un ambiente abitabile per gli umani – un processo noto come terraformazione – non è una novità, Elon Musk ha sollevato le sopracciglia nel 2015 quando ha suggerito che il modo più efficace per realizzare tale impresa sarebbe quello di rilasciare armi termonucleari nelle regioni polari del pianeta nel tentativo di riscaldare l’atmosfera.

Non sorprende che l’idea abbia incontrato un notevole grado di scetticismo, con i critici che hanno sottolineato che un tale metodo avrebbe lasciato Marte saturo di micidiali ricadute nucleari per migliaia di anni.

Ora Alexander Bloshenko – una figura di spicco di Roscosmos – è entrato nel dibattito mettendo in evidenza durante una recente intervista con l’agenzia di stampa russa TASS quanto sia poco pratica l’idea.

“Se analizzati brevemente, alcuni piani proposti da SpaceX semplicemente non possono essere attuati tenendo conto degli sviluppi tecnologici a breve termine”, ha affermato.

“Ad esempio, per un’esplosione termonucleare sul polo di Marte, uno dei piani di SpaceX, per ottenere risultati tangibili, sono necessari più di 10.000 lanci di missili che possono trasportare i maggiori carichi utili e che sono in fase di sviluppo ora”.

Nonostante questo ostacolo stupefacente, tuttavia, lo stesso Musk non sembrava troppo preoccupato.

“Nessun problema”, ha risposto su Twitter.

Musk potrebbe sapere qualcosa che noi non sappiamo o la sua risposta doveva essere ironica?

Ad ogni modo, sembra che possiamo escludere in modo sicuro la possibilità di vivere e arrecare danni su Marte ancora per molto tempo.

Give a Comment