I bambini sanno quando li imiti e ti piacciono

I bambini sanno quando li imiti e ti piacciono

I bambini sanno quando li imiti e ti piacciono

I bambini di sei mesi riconoscono quando gli adulti li imitano e percepiscono gli imitatori come più amichevoli, secondo un nuovo studio dell’Università di Lund in Svezia. I bambini guardarono e sorrisero più a lungo di un adulto che li imitava, al contrario di quando l’adulto rispose in altri modi. Anche i bambini si sono avvicinati di più e si sono impegnati a imitare i giochi. La ricerca è pubblicata su PLOS One .

Nello studio, un ricercatore ha incontrato bambini di 6 mesi nelle loro case e ha giocato con loro in quattro modi diversi. Il ricercatore o: imitava tutto ciò che i bambini facevano come uno specchio, o come uno specchio inverso, imitava solo le azioni corporee dei bambini mantenendo un viso immobile, o rispondeva con un’azione diversa quando i bambini agivano. Quest’ultimo si chiama risposta contingente ed è il modo in cui la maggior parte dei genitori risponderebbe al proprio bambino – quando il bambino fa o ha bisogno di qualcosa, reagisci di conseguenza.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini sembravano e sorridevano più a lungo, e hanno cercato di avvicinarsi all’adulto più spesso, durante il vicino mirroring delle loro azioni.

“Imitare i bambini piccoli sembra essere un modo efficace per catturare il loro interesse e legare con loro. Le madri sono state piuttosto sorprese nel vedere i loro bambini impegnati gioiosamente in giochi di imitazione con uno sconosciuto, ma anche colpiti dai comportamenti dei bambini”, dice Gabriela- Alina Sauciuc, ricercatrice presso l’Università di Lund e autrice principale dello studio.

Ci sono stati anche molti comportamenti di test durante l’imitazione. Ad esempio, se il bambino raggiungesse il tavolo e il ricercatore avesse imitato quell’azione, il bambino avrebbe colpito il tavolo più volte, osservando attentamente le risposte del ricercatore. Anche quando il ricercatore non mostrava alcuna emozione durante l’imitazione, i bambini sembravano ancora riconoscere che venivano imitati – e continuavano a rispondere con il comportamento di prova.

“Questo è stato piuttosto interessante. Quando qualcuno mette alla prova attivamente la persona che li sta imitando, di solito è visto come un’indicazione che l’individuo imitato è consapevole che esiste una corrispondenza tra il proprio comportamento e il comportamento dell’altro”, dice Sauciuc.

Gli scienziati hanno a lungo ipotizzato che, attraverso una frequente esposizione all’imitazione, i bambini imparino a conoscere le norme culturali e le routine interazionali o che le azioni condivise siano accompagnate da sentimenti e intenzioni condivise. Ma le prove empiriche a sostegno di tali teorie mancano in gran parte.

“Mostrando che i bambini di 6 mesi riconoscono quando vengono imitati e che l’imitazione ha un effetto positivo sull’interazione, iniziamo a colmare questa lacuna. Dobbiamo ancora scoprire quando esattamente l’imitazione inizia ad avere tali effetti, e quale ruolo svolge effettivamente il riconoscimento dell’imitazione per i bambini “, conclude Sauciuc.

Give a Comment