L'intelligenza artificiale può trasformare i pensieri umani in parole scritte

L’intelligenza artificiale può trasformare i pensieri umani in parole scritte

L’intelligenza artificiale può trasformare i pensieri umani in parole scritte

È stato progettato un nuovo straordinario sistema di intelligenza artificiale che può leggere ciò che qualcuno sta pensando e trasformarlo in testo.

Nonostante sembri qualcosa da film di fantascienza, le interfacce cervello-computer in grado di leggere e interpretare i pensieri di qualcuno stanno rapidamente diventando un vero affare e molto reale.

Uno degli aspetti più difficili della lettura di ciò che qualcuno sta pensando è capire come i pensieri specifici sono rappresentati da diversi schemi di attività cerebrale. Questi schemi non sono gli stessi per tutti: il modo in cui pensiamo a un dato concetto dipende dalle nostre esperienze e memorie.

L'intelligenza artificiale può trasformare i pensieri umani in parole scritte
Credit: @tampatra via Twenty20

In un nuovo studio presso l’Università della California di San Francisco, tuttavia, gli scienziati hanno dimostrato che trasformare i segnali cerebrali direttamente in testo è effettivamente possibile.

A quattro pazienti con epilessia con impianti cerebrali progettati per monitorare le convulsioni è stato chiesto di leggere e ripetere una serie di brevi frasi mentre la loro attività cerebrale veniva registrata e analizzata da un computer.

I dati sono stati quindi elaborati da una rete neurale in grado di identificare modelli corrispondenti a determinate firme vocali, come quelli associati a determinati suoni o movimenti della bocca.

Una seconda rete neurale ha quindi decodificato queste informazioni per prevedere ciò che ogni persona stava pensando.

L'intelligenza artificiale può trasformare i pensieri umani in parole scritte
Credit: @tampatra via Twenty20

Incredibilmente, l’esperimento è stato in grado di trasformare i segnali cerebrali in parole scritte con un tasso di errore delle parole di appena il tre percento, un tasso di precisione mai raggiunto prima.

Ovviamente c’è ancora molta strada da fare fino a quando un sistema come questo possa interpretare tutto ciò che qualcuno sta pensando, è un passo impressionante verso una soluzione di comunicazione cervello-computer che un giorno potrebbe consentire a persone gravemente limitate fisicamente di far sentire la propria voce.

Give a Comment