Il piano della NASA è di trasformare la luna in un telescopio

Il piano della NASA è di trasformare la luna in un telescopio

Un concetto appena finanziato prevede un radiotelescopio largo un chilometro costruito all’interno di un cratere sul lato oscuro della Luna.

Il lato oscuro della Luna è una terra di silenzioso mistero. Poiché è sempre rivolto lontano dalla Terra, tutte le rumorose trasmissioni radio che noi umani inviamo non raggiungono mai questa parte della Luna.

Gli scienziati hanno sognato di capitalizzare questo silenzio radio unico per decenni e la NASA ha ora avvicinato quella visione alla realtà finanziando una proposta per costruire un radiotelescopio all’interno di un cratere sul lato opposto della Luna.

L’osservatorio proposto sarebbe di un chilometro di diametro, rendendolo “il più grande radiotelescopio ad apertura piena del sistema solare”, secondo quanto scritto dalla NASA.

Chiamato Lunar Crater Radio Telescope (LCRT), la proposta nasce da un’idea di Saptarshi Bandyopadhyay, un tecnologo di robotica presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA. Martedì 7/04/2020, LCRT è stato selezionato per il finanziamento iniziale della “Fase 1” ( $ 125.000 ) dal programma NIAC (Innovative Advanced Concepts) della NASA, che mira a esplorare tecnologie avanzate e di futuro molto lontano.

LCRT è ancora in “primissime fasi di sviluppo”, ha dichiarato Bandyopadhyay in una e-mail, osservando che “l’obiettivo della Fase 1 è studiare la fattibilità del concetto di LCRT“.

concentreremo principalmente sulla progettazione meccanica di LCRT, alla ricerca di crateri adatti sulla Luna e confrontando le prestazioni di LCRT con altre idee che sono state proposte in letteratura“, ha aggiunto.

Bandyopadhyay prevede di costruire l’LCRT in un cratere che misura circa 3-5 chilometri di diametro (2-3 miglia). I ponteggi in rete metallica del telescopio potevano essere consegnati ed eretti da robot di arrampicata su parete, come i rover DuAxel della NASA , che sarebbero stati in grado di scalare le pendenze verticali del cratere.

Il piano della NASA è di trasformare la luna in un telescopio
IL CONCETTO DELLE OPERAZIONI PER LA COSTRUZIONE DI LCRT. CREDIT: SAPTARSHI BANDYOPADHYAY

L’LCRT sarebbe un radiotelescopio ad apertura piena, o riflettore sferico, nel senso che usa una parabola completa per raccogliere i dati radio, al contrario delle matrici radio che sono fatte di molte parabole in rete.

Attualmente, il più grande telescopio ad apertura piena mai costruito è il radiotelescopio sferico ad apertura di cinquecento metri (FAST) nel sud-ovest della Cina. LCRT sarebbe grande il doppio di FAST e avrebbe un ambiente molto più favorevole per la radioastronomia.

Questo telescopio non solo eviterebbe tutte le interferenze radio prodotte dagli umani, ma osserverebbe anche l’universo senza il velo di un’atmosfera. L’atmosfera terrestre è abbastanza utile per tenerci in vita, ma impedisce anche a molte lunghezze d’onda della luce di raggiungere osservatori terrestri, comprese lunghezze d’onda a bassa frequenza che superano i 10 metri.

Oltre a LCRT, la NASA ha concesso finanziamenti iniziali a più di una dozzina di altri progetti futuristici, solo questa settimana, tra questi vediamo:

Sciami di “tramogge di gravità” che potrebbero esplorare piccoli corpi celesti e un sistema di frenatura antimateria per i viaggi interstellari.

Give a Comment